Fiori di zucca fritti in pastella, ripieni con, salsiccia di Norcia e scamorza affumicata.



Il profumo di cento ricette! 

C'era una volta, cento anni fa una bambina, crebbe e diventò forte, si sposò e visse la sua vita in una bella e grande fattoria, c'erano cavalli, maiali, galline e tutto il resto della banda animali. Il viale era ornato di piante, alberi in fiore e tanta fatica. Si! Perché la campagna non regala i frutti, ma li dona solo a chi sa prendersi cura di lei. Stava vivendo la sua vita, ma non sapeva quanto ancora poteva imparare dal resto della vita. Non si arrendeva mai. Forza, determinazione e speranza erano i suoi amici. Amava lo splendore della vita. Il suo senso spiccato del buon gusto non aveva età, il giusto equilibrio! Essere al passo con i tempi, non significava per lei scimmiottare in modo sconvenevole un'età che non si addiceva, ma una mente intelligente pronta al cambiamento senza dimenticare il buon senso. Conviviale, sempre pronta a ricevere amante della famiglia, non dimenticava mai nessuno. La cucina era il suo esercizio mentale, per sentirsi giovane dentro. La sua cucina partiva dalle buone maniere, l'uso corretto degli ingredienti e la qualità.
Nulla era lasciato al caso, anche pane e pomodoro dovevano sapere di orto, condito con il migliore olio regionale, quello che lei aveva imparato a riconoscere con esperienza, dopo esclamava: " Ho davvero gustato questo cibo! " Ha imparato a vincere, a essere sconfitta e rialzarsi, a gioire e piangere, ha godere e privarsi, poi lo insegnò e la lezione divenne più forte della sua stessa vita. Le bastava guardarti con i suoi occhi color cerbiatto, pochi minuti e sapeva cosa si agitava nel tuo cuore, poco per incoraggiarti, poco per riprenderti. Se fosse nata nella nostra generazione, credo che si sarebbe arruolato nei corpi speciali dei Marines, senza indugio. Oggi posso solo raccontare cosa lei è stata in cento anni, ma la mia visione è solo una piccola finestra che si apre al suo mondo, non è il racconto di tutta la sua vita. Allora cara nonna, ti restituisco cento baci, cento abbracci, cento pensieri, cento sorrisi per il profumo di queste cento ricette della vita che ci hai insegnato, ora riposa in pace, perché io non ho dimenticato!


Libera Ferrandino blog di ricette senza glutine


Ingredienti per 10 fiori di zucca 

Ingredienti per la pastella

170 ml d'acqua minerale gassata molto fredda
50 g di farina senza glutine per il pane Molino Chiavazza

Ingredienti per il ripieno  

10 fiori di zucca mondati e privati dal pistillo
3 salsicce di Norcia qualità senza glutine
2 spicchi d'aglio
2 cucchiai di olio evo
1 rametto di rosmarino
3 cucchiai di vino bianco frizzante
90 g di pane bianco a fette senza glutine Nutri Free
60 g di scamorza affumicata
4 pomodorini pachino mondati e privati dai semi
1 uovo medio
Sale e pepe quanto basta
Prezzemolo tritato quanto basta

Per friggere

1 lt olio di semi di girasole
Un tegame alto e stretto per friggere

Preparazione

1. Mescola nell'acqua molto fredda la farina con una frusta. Quando avrai ottenuto una pastella fluida, copri il contenitore con la pellicola, porta a riposare in frigo per un'ora.
2. In una casseruola scalda l'olio con i due spicchi d'aglio e il rosmarino.
3. Sgrana la salsiccia privandola dalla pelle, versala nell'olio caldo, rosola.
4. Quando la salsiccia sarà leggermente colorita, sfuma con il vino, ancora alcuni minuti di cottura, poi elimina il rosmarino e l'aglio, versa in un contenitore la salsiccia con il suo olio di cottura, fai raffreddare.
5. Trascorsa l'ora, porta fuori dal frigo la pastella.
6. Versa l'olio nel tegame, porta a temperatura non superiore ai 170°.
7. Monda e priva il fiore dal suo pistillo.
8. Mescola in un contenitore la salsiccia con il suo olio di cottura, la scamorza ridotta a piccoli pezzi, il prezzemolo tritato finemente, i pomodori a piccoli pezzi, sbriciola il pane, aggiungi l'uovo, sale e pepe.
9. Quando l'olio arriva alla temperatura, potrai farcire i fiori, due alla volta, ripassa nella pastella e friggi, mentre termina la cottura, ne preparerai altri due, mai tutti assieme prima, si rovinano e perdono la loro croccantezza.
10. Friggerai in questo modo, fai rotolare il fiore di zucca nella pastella, si formerà a cono, mettilo a tesa in giù per eliminare eccessi di pastella, immergilo nell'olio dalla punta dei petali fino a metà fiore, lo terrai poco immerso in questa maniera, il tempo necessario per sigillare il fiore, solo dopo potrai lasciarlo galleggiare per continuare la frittura. Il fiore sarà ben cotto quando le bollicine della frittura diminuiscono e presenterà un colorito dorato.
11. A termine cottura servi fiori caldi e salati.  


Libera Ferrandino blog di ricette senza glutine

Libera Ferrandino blog di ricette senza glutine

Libera Ferrandino blog di ricette senza glutine

Libera Ferrandino blog di ricette senza glutine

Libera Ferrandino blog di ricette senza glutine

Libera Ferrandino blog di ricette senza glutine

Libera Ferrandino blog di ricette senza glutine

Libera Ferrandino blog di ricette senza glutine


©Libera Ferrandino 2018

Commenti