I bignè della memoria! Ricetta senza glutine.

Libera Ferrandino blog di ricette snza glutine


Era sempre una festa, l'invito di mio zio in campagna da loro e la mia mamma che, nonostante tutto era una donna impegnata con il suo lavoro, non diceva mai di no, mai! Non so come facesse a trovare tutto il tempo per organizzarsi, ma lo faceva. Ricordo quei giorni come un periodo molto bello, spensierato. Non so perché, lo capii dopo, crescendo, quanto erano importanti per mio cugino i bignè che faceva la mia mamma. Dopo aver ricevuto l'invito, c'era sempre lui con la sua domanda carina: zia porterai i tuoi bignè domenica da noi? E la mia mamma, figuriamoci se diceva no a suo nipote! Certo! Rispondeva. Io assieme a lei pasticciavo in cucina per fare i bignè ripieni, stracolmi vergognosamente di crema, cioccolato e panna. Avevo già visto in giro questo dolce, si chiamava profiterole, mi spiegò che i suoi erano bignè ripieni e non profiterole. Mi diceva: quando mangi il profiterole, tu senti solo una vellutata di crema al cioccolato avvolto al bignè, invece quando mangi i miei, assapori la crosta croccante e la farcia! Mmmmmm, non ho idea mamma, so solamente che la pirofila dei tuoi bignè pesa più della lasagna. Così davamo inizio il sabato sera a questa preparazione. Mi lamentavo sempre, perché mi faceva svuotare tutti i bignè, nonostante tutto fossero già vuoti, ma lei spiegava che, dovevamo ottenere solo un contenitore per metterci dentro più farcia. Poi mi lamentavo che le mani si sporcavano sempre di crema, cioccolato e panna, e lei come sempre aveva la sua risposta: be, avrai il profumo di buono alle mani, non lamentarti! Quelle domeniche iniziavano sempre con dei buoni propositi, ricordo ancora il tepore del sole, le rampicate sugli alberi per mangiare le mandorle tenerine nel guscio ancora morbide, naturalmente dopo aver preso accordo con mio zio, lui ci assegnava degli alberi, dove potevamo arrampicarci e non toccare altro, una forma di compromesso per contenere i danni della nostra esuberanza. Era un modo per evitare di andare a zonzo da un albero all'altro. La giornata terminava con la cena davanti a un fuoco, minuziosamente preparato da mio padre, non so a cosa servissero tutti gli aromi e frasche secche all'interno del fuoco, ma so che, le patate cotte sotto quella cenere calda erano favolose. Si rientrava come se avessimo vissuto dieci vite in un giorno solo. La mia ricetta senza glutine vuole rievocare timidamente il ricordo di quei giorni, momenti preziosi, di grande felicità davanti a dei bignè stracolmi di dolcezza, fatti con amore e tanta convivialità!



Ingredienti per i bignè senza glutine

100 g di maizena
100 g di burro Lurpak classico
50 g di acqua
50 g di latte intero
Un pizzico di sale
10 g di zucchero semolato
2 uova medie
La polpa di 1 bacca di vaniglia

Ingredienti per la crema pasticcera alla panna senza glutine

500 g di panna fresca liquida per dolci senza glutine
4 tuorli da uova medie non da frigo
110 g di zucchero semolato
50 g di Maizena
Un pizzico di sale
La buccia grattugiata di un limone non trattato
La polpa di una bacca di vaniglia

Per guarnire 150 g di cioccolato a latte di ottima qualità senza glutine fuso a bagnomaria.
200 ml di panna liquida per dolci senza glutine da montare a freddo.

Come preparare i bignè

1. Preriscalda il forno a 180°.
2. Versa in un tegame a doppio fondo: il latte, l'acqua, il sale, lo zucchero la vaniglia e il burro a piccoli pezzi, porta a bollore.
3. Appena bolle, versa la maizena in un colpo solo, spegni il fornello, mescola energicamente con un cucchiaio di legno fino a quando si sarà formata una polenta, deve staccarsi dalle pareti del tegame.
4. Versa la polenta in un contenitore capiente, prima di introdurre le uova fai intiepidire il composto.
5. Versa un uovo alla volta, con le fruste elettriche e ganci per impastare, lavora il composto.
6. Appena la polenta è compatta e soffice, introducila nella sac a poche, forma i bignè su una teglia rivestita con della carta forno.
7. Inforna e lascia cuocere con lo sportello del forno leggermente socchiuso di 1/2 cm fino a quando diventano color nocciola.
8. A cottura terminata, dovranno raffreddare su una griglia e solo dopo potrai farcirli.

Come preparare la crema pasticcera senza glutine

1. Mescola a freddo con una frusta a mano tutti gli ingredienti senza formare grumi.
2. Versa il liquido in una lattiera a fondo doppio.
3. A fuoco medio, mescolando sempre porta a bollore il liquido.
4. Appena addensa, versa la crema in una pirofila, copri la crema con della pellicola a contatto.
5. Prima di portare in frigo la crema, assicurati che la pirofila diventa ben fredda.
Assemblaggio del dolce
1. Quando entrambe le preparazione saranno diventate fredde, tranne il cioccolato, possiamo assemblare il dolce.
2. Taglia esattamente a metà il bignè, se necessita svuotalo.
3. Farcisci con: la crema, il cioccolato fuso e per concludere la panna montata.
4. Chiudi il bignè, decora con il cioccolato fuso la panna e zucchero a velo senza glutine se preferisci.
5. Fai quest'operazione fino a terminare gli ingredienti.



Libera Ferrandino blog di ricette senza glutine



Libera Ferrandino blog di ricette senza glutine

©Libera Ferrandino 2018


Commenti