Ciambelle fritte senza glutine al sidro di mele

fonduephoto-blog-per-celiaci


Un termine per queste ciambelle….mmmm vediamo, un attimo che ci penso. Allora: Deliziose, voluttuose, squisite, delicate, burrose, prelibate, divine! Non credevo che il sidro rendesse queste ciambelle una delizia! Quando parlo di ciambelle, mi riferisco a una infinita e lunga lista di ricette diverse tra loro, questa ne è l'esempio! L'idea non è quella di trovarsi in bocca al primo morso il gusto della mela, ma il sapore esaltato dello zucchero melato in una ciambella soffice come una nuvola, simile a un batuffolo di cotone. La sua dolcezza è vellutata come zucchero filato. Ora il dubbio per chi segue l'alimentazione senza glutine è: "Il sidro contiene glutine?" No! Il sidro è una bevanda fermentata ricavata dalla spremitura delle mele. L'unica attenzione da porre a questa bevanda è che non sia fermentata da altri cereali, ma solamente dal succo stesso di mele. In commercio troviamo il sidro in negozi che trattano prodotti biologici. Pesate bene tutti gli ingredienti come vi ho riportato nella ricetta, una buona bilancia elettronica vi aiuterà a non sbagliare neanche di un grammo. Mentre vi lascio leggere il post e osservare le foto, vado ad addentare la mia ciambella al sidro senza glutine. Allora buona lettura a voi che mi visitate!




Per circa 15 ciambelle dal diametro di 8 cm

Ingredienti per il lievitino

100 g di acqua Rocchetta tiepida
1 cucchiaino di lievito disidratato senza glutine per impasti salati
1 cucchiaino di miele d'acacia
80 g di farina senza glutine Schar mix per il pane

Ingredienti per impasto principale

300 g di farina senza glutine (100 g Schar mix per pane, 100 g Biaglut mix per il pane, 100 g NutriFree per pizza)
Tutto il lievitino
100 g di latte caldo intero (non bollente) 
70 g di zucchero semolato
La polpa di 1 bacca di vaniglia 
58 g di uovo intero
30 g di strutto
La buccia grattugiata di 1 limone
Un pizzico di sale
30 g di bevanda Sidro 
Olio di arachidi per friggere
Un tegame in alluminio ampio e alto

Come preparare il lievitino

1. In un contenitore, sciogli in acqua tiepida il lievito disidratato.
2. Aggiungi al liquido il miele, la farina setacciata, mescola bene con una frusta.
3. Sigilla il contenitore con la pellicola, fai triplicare il suo volume.

Come preparare l'impasto delle ciambelle

1. In una planetaria inserisci gli ingredienti tutti assieme seguendo questo ordine: Il latte caldo, il lievitino maturo, 250 g delle farine setacciate, lo zucchero, l'uovo, lo strutto, il pizzico di sale, la vaniglia e la buccia di limone. 
2. Lavora l'impasto con il gancio a uncino, velocità uno.
3. Quando l'impasto si sarà mescolato, aggiungi il sidro, Impasta per 10 minuti esatti.
4. Trascorsi i dieci minuti aggiungi gli ultimi 50 g di farina setacciata all'impasto, fai lavorare ancora per 5 minuti.
5. Terminata la lavorazione dell'impasto, sigilla il contenitore con della pellicola, lascia che raddoppiare il suo volume.
6. A lievitazione matura, spolvera su una spianatoia, versa l'impasto e con un matterello sfoglia tre giri come si fa con la pasta sfoglia, facendo attenzione a non schiacciare l'impasto, lasciando la sfoglia alta 1/2 cm.
7. Quando avrai terminato di sfogliare, coppa l'impasto ricavando le ciambelle.
8. Disponi le ciambelle 2 cm distati fra loro, su una teglia rivestita con carta forno.
9. Fati raddoppiare il loro volume.
10. A lievitazione matura, porta a temperatura l'olio nel tegame, la temperatura deve essere intorno ai 175°-180°, quindi vedrete, con la prova dello stuzzicadenti, bollicine costanti e non all'onda.
11. Friggi le ciambelle non più di due alla volta, da entrambe i lati, quando saranno diventate dorate, scola e disponi su carta paglia, ancora calde, panale nello zucchero semolato.


Servite le ciambelle calde ai commensali cercando di finirle in giornata, il fritto non va mai conservato!

P.S Se non hai una planetaria, puoi usare benissimo anche fruste elettriche con gancio per impastare!


fonduephoto-blog-per-celiaci



fonduephoto-blog-per-celiaci



fonduephoto-blog-per-celiaci



©Libera Ferrandino 2015


Commenti

Post più popolari