Pastiera di riso senza glutine

fonduephoto-blog-per-celiaci


Quasi una pastiera, ma senza glutine! Certo perché la vera pastiera napoletana, ha nella farcia il grano cotto e non solo, la modalità di come viene preparato questo grano è tutto un programma. Tremo di fronte alle ricette che sono dei monumenti, patrimonio della tradizione italiana. Curiosa come una scimmia, mi sono messa a lavoro, ho cercato tutte le informazioni sulla ricetta della pastiera napoletana. Ognuno ha la sua pastiera, aiutoooo che confusione! Così ho deciso di seguire i consigli, raccolti nel web, da chi la storia della pasticceria tradizionale la saputa raccontare con il suo lavoro. Parlo di Mario Scaturchio. I suoi consigli mi hanno portata a non fallire, neanche con la manipolazione del senza glutine. Una frolla non troppo lavorata, una farcia non troppo liquida, una cottura a dovere, hanno prodotto un capolavoro campano! Questa si chiama arte! Oggi non è più con noi il maestro pasticcere Scaturchio, ma il suo patrimonio vive ancora oggi. Ben fatto maestro! Questa versione è per chi vuole conoscere la bontà della pastiera e garantirsi la produzione senza glutine. Sembra complicato, ma non lo è basta organizzarsi con la preparazione, il giorno seguente assemblate tutto, poi infornate! La casa avrà il profumo della primavera! Buona preparazione senza glutine






Ingredienti per la frolla

250 g di farina senza glutine (125g Scia mix pane, 125g Biaglut mix pane)
80 g di burro Lurpak classico a temperatura
100 g di zucchero semolato
La polpa di 1 bacca di vaniglia
1 uovo medio
1 Cucchiaio di liquore per dolci Maraschino
La buccia grattugiata di 1 limone
Due stampi per torte in alluminio da 20 cm

Ingredienti per la crema di riso

400 ml di latte intero
100 g di riso arborio
La polpa di 1 bacca di vaniglia
50 g zucchero di canna

Ingredienti per la farcia alla ricotta

250 g ricotta di pecora priva del siero
2 uova
200 g di zucchero semolato
La polpa di 1 bacca di vaniglia
70 g di frutta candita senza glutine
3 gocce di aroma fiori d'arancio senza glutine

Come preparare la crema di riso

1. In una lattiera scaldate il latte.
2. Quando il latte avrà raggiunto la temperatura, versate il riso e la vaniglia.
3. Portate a cottura il riso mescolando sempre, quando avrà raggiunto la consistenza simile alla crema pasticcera, aggiungete lo zucchero, spegnete il fornello.
4. Versate la crema di riso in un altro contenitore freddo, dovete farla raffreddare velocemente, serve per abbattere la carica batterica e fermare la cottura della crema.
5. Quando sarà diventata ben fredda, coprite con un velo di pellicola a contatto con la crema, portate in frigo a riposare per un giorno.

Come preparare il guscio di frolla

1. Inserite nella planetaria con gancio k, tutti gli ingredienti della frolla, impastate a velocità 1.
2. Appena l'impasto rassoda, terminate di lavorare la frolla.
3. Stendete l'impasto tra due fogli di carta forno, lasciate riposare in frigo per un giorno. 
4. Il giorno seguente assemblate tutte le preparazioni.
5. Prima di stendere la frolla per gli stampi, preparate la crema per la farcia.
6. Mescolate bene con una frusta tutti gli ingredienti per la farcia alla ricotta.
7. Poi unite la farcia alla ricotta con la crema di riso che avete fatto riposare in frigo.
8. Preriscaldate il forno a 200° mentre preparate la pastiera.
9. Portate fuori dal frigo la frolla, spolverate su una spianatoia, lavorate l'impasto fino a riportarlo plastico, ma non troppo.
10. Ritagliate i due dischi per gli stampi, bucate bene, riportate 20 minuti in frigo per far rassodare il burro della frolla, mentre ricavate dal resto dell'impasto le strisce per decorare la pastiera.
11. Trascorso il riposo in frigo, riempite i gusci di frolla con la farcia, decorate con le strisce, infornate.
12. Lasciate cuocere la pastiera per la prima ora a 200°, poi abbassate la temperatura a 180°, lasciate che finisca la cottura ancora per 30 minuti.
13. A cottura terminata, fate raffreddare la pastiera bene su una griglia prima di estrarla dal suo stampo.
14. Non conservate la pastiera in contenitori di plastica, rovinerete la frolla. Conservatela, se ci riuscite, su un semplice piatto da portata, coperta con un foglio di Scottex. 



fonduephoto-blog-per-celiaci



fonduephoto-blog-per-celiaci



fonduephoto-blog-per-celiaci



fonduephoto-blgo-per-celiaci



fonduephoto-blog-per-celiaci



fonduephoto-blgo-per-celiaci



fonduephoto-blog-per-celiaci



fonduephoto-blog-per-celiaci



fonduephoto-blog-per-celiaci


©Libera Ferrandino 2015




Commenti

  1. Sono approdata qui da Pinterest. Ad ogni foto mi sono innamorata delle tue proposte culinarie! Complimenti! :) Se posso, mi accomodo!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari