Pasta fresca cecatelli senza glutine.

Fonduephoto blog per celiaci Libera Ferrandino

I cecatelli di Mrs. Calloway! Be, mrs Calloway era una mucca molto elegante, tratto dal cartone "Mucche alla riscossa". Io chiamerò il mio personaggio così, per questioni private. Mrs Calloway era una donna simpaticona, velocissima, tutta spidi, spidi. Aveva tante amiche, conviviale e di buona forchetta. Il suo piatto forte era il ragù di salsiccia suina, ma non acquistata dal macellaio de città, ma dal contadino di fiducia. Il suo appuntamento annuale si rinnovava per il suo maialino da convertire in salsicce, insaccati, salame e quant'altro. La sua salsiccia era caratteristica, aveva il gusto degli agrumi, cotta a ragù in una pentola di terracotta nel camino; mmmmm…solo il ricordo mi viene l'acquolina in bocca. I suoi cecatelli erano famosi, spidi, spidi li chiamavo. Gli amici alla sua tavola erano sempre i benvenuti, infatti, mrs. Calloway impastava i cecatelli con le uova dell'amica, prese dalle galline dell'orto. Veloce impastava, cucinava il suo famosissimo ragù e i suoi ospiti diventavano re e regine! Purtroppo la signora Calloway non lo più vista, ma porto dentro di me il suo ricordo gradevole e il ragù con le salsicce di montagna, un giorno vedrò di mettere anche questa ricetta nel blog. Per ora godetevi i miei cecatelli senza glutine!


    
Ingredienti per 2 porzioni



•    2 uova medie
•    100 g di farina senza glutine (Schar per il pane)
•    100 g di farina senza glutine (Nutri Free per il pane)
•    Un pizzico di sale
•    Qualche cucchiaio di acqua se necessita




Preparazione




1.    Inserite tutti gli ingredienti in una planetaria, esclusa la quantità d'acqua.
2.    Lavorate l'impasto a velocità 1, fino a quando si sabbia.
3.    Aggiungete, se l'impasto resta troppo secco, 1 cucchiaio d'acqua.
4.    Impastate fino a quando diventa liscio come la pelle di un neonato.
5.    L'impasto deve essere plastico e consistente, non molliccio.
6.    Lavorate come ultimo gesto, su una spianatoia senza usare la farina.
7.    Tagliate piccoli pezzi di pasta, formate un grissino che poi ricaverete piccoli gnocchi.
8.    Con un coltello a seghetto bagnato nella farina senza glutine, andrete a formare in orizzontale una  pressione interna per scavare, poi staccate i cecatelli dalla lama e il gioco è fatto. 




Fonduephoto blog per celiaci Libera Ferrandino



© Libera Ferrandino 2013

Commenti

  1. Guardo con interesse ricette di pasta fresca, perchè mi sto appassionando... ho debuttato con gli gnocchi ma non voglio fermarmi... già immagino il sugo buono su ogni cecatello! Si dice così al singolare? Non conoscevo il nome... :-)

    RispondiElimina
  2. Al singolare " dicono " che si pronucia cecatiello, ma fa lo stesso cara. La pasta fresca per me è una vera arte culinaria. Come l'artista che da vita al suo capolavoro! Sarà perchè sono cresciuta con delle buone maestre, la mamma, nonna, zie e anche le mie cugine, mi hanno inculcato questa buona e sana tradizione. Il divertimento finale e poterla immortalare con la mia macchina fotografica. Grazie per la visita Francesca.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari