google-site-verification: google8005d48eb9b06a10.html Assenza di Glutine

mercoledì 7 dicembre 2016

Ciambelline senza glutine di Piglio

Libera Ferrandino blog per celiaci assenza di glutine


Su su, dobbiamo muoverci! Farina senza glutine, zucchero, vino, sono tutti pronti per essere vestiti a festa! Questi ingredienti esibizionisti, egocentrici, non vedono mai l'ora di essere aggregati. Sono conviviali amano le feste, eccome!!! Soprattutto quelle dove ci sono molti amici e ti chiedono " Ma dimmi un po’, come hai realizzato questa ricetta? e loro con orecchie spalancate, sono pronti per sentir parlare della ricetta che li ha resi celebri. Il tempo fuori, fa la sua coreografia più scenografica, freddo, nebbia, pioggia e neve, tutto è un insieme di sfumature belle, festose, allegre e vivaci. Allora impastiamo con un po’ di allegria e con un po’ di tristezza, pensando a chi delle feste non conosce neanche il nome, perché magari sono fuori nella coreografia del tempo; vivono il freddo, la neve, la pioggia, la solitudine. Così dedichiamo queste ciambelline a chi in queste feste ha il cuore freddo e vorrebbe riscaldarlo, a chi vorrebbe essere a casa, invece è in un luogo freddo e poco ospitale, a chi dell'amicizia ne ha fatto un fagotto e buttato in fondo al mare. Una ciambella come un abbraccio, per riscaldare ciò che è freddo e senza emozioni! 


venerdì 2 dicembre 2016

Ciambellone nordico senza glutine all'arancia e fiori d'arancia con olio d'oliva.

Libera Ferrandino blog per celiaci Assenza di Glutine


E dico, a Dicembre solo 4 ingredienti mi accompagneranno per realizzare le ricette di fine anno, invece cosa accade? Ingredienti ribelli, si rifiutano di collaborare, non amano la solitudine, quella che io chiamo semplicità, loro la chiamano solitudine, ne hanno fatto un caso personale. Aiuto, allora cosa faccio per salvare la cucina di Assenza di Glutine a Dicembre? Ok, mi tocca cedere e aggiungere alle ricette che avevo pensato altri ingredienti, in fondo, le feste sono sinonimo di creatività, armonia, sapori semplici e complessi, tutti assieme in un'unica sinfonia. Va bene ingredienti della mia cucina, apriamo le danze regalando la prima ricetta festosa, che sa di convivialità, semplicità; un ciambellone nordico all'arancia e fiori d'arancia senza glutine! Ora ingredienti vi voglio tutti in riga, non si scherza più, forza ai fornelli!

martedì 8 novembre 2016

Frittelle di mele valdostane senza glutine

Libera Ferrandino blog per celiaci


Non ho mai mangiato le frittelle di mele fatte come si realizzano in Val D'Aosta. E dopo aver accolto il suggerimento di Annabello, mi sono messa a lavoro. Non so se veramente sono riuscita nell'intendo, ma le frittelle erano buone. Ciò che mi ha sorpreso di più è stato, aver trovato nel cuore della frittella la mela come purea, buonissima!!! Un gusto delizioso. Grazie Annabello per avermi consigliato questa delizia. Vi propongo la mia versione assolutamente senza glutine

mercoledì 2 novembre 2016

Pasta fresca senza glutine. Pizzoccheri di grano saraceno e quinoa.

Libera Ferrandino blog per celiaci


La pasta fresca a me fa impazzire. Sa di casa, di caminetto, di amore, di convivialità e anche sinonimo di creatività. Infatti, possiamo creare varianti all'infinito con la pasta fresca. Nessun limite, nessuna privazione, anzi solo tanta ricchezza. In questo caso i pizzoccheri non sono un invenzione senza glutine, anzi, possiamo affermare che, la tradizione ci viene incontro naturalmente offrendoci un prodotto buono, sano e semplice. Ora, sta a noi come volerlo arricchire, rivisitarlo. Nel mio caso, ho rivisitato la ricetta aggiungendo la quinoa. La quinoa aggiunge un tocco di morbidezza e leggerezza ai pizzoccheri, cosa che non fa la farina di grano saraceno, ricca di amido. La cottura va fatta in abbondante acqua, altrimenti vi ritroverete l'acqua sporchissima di farina e amido. Poi, come realizzarli è a dir poco imbarazzante, nel tutorial lo vedrete da voi. Allora che si fa? Grembiule, farine e mattarello, impastiamo senza glutine!

domenica 16 ottobre 2016

Video ricetta "Cannoli siciliani Senza Glutine"

fonduephoto blog per celiaci Libera Ferrandino


Ok ho un idea, farò un tutorial per mostrare quanto è facile realizzare questi cannoli siciliani senza glutine. Mamma sei sicura? Si, rispondo sicura di me! Mamma forse….! Tesoro non ti fidi? Dopo essermi imbarcata in questo progetto dico: Aiutooooo! Dopo tutto,  posso affermare che, i cannoli li ho creati, fotografati, mangiati, digeriti e dimenticati, ma io stavo ancora lottando con l'editing del video. Mamma cosa ti avevo detto? Ti prego, pensi che sono così imbranata?! Risposi ansiosa. No mamma, hai solo un programma per video da neonati, editare diventa impossibile. Terminati i cannoli, passiamo al momento più delicato, direi meno polemico, secondo il mio punto di vista; l'assaggio! Quando credevo di aver visto tutto, mio figlio esclama: Ma cosa ci hai messo nella ricotta dei meteoriti di cioccolato? Ahahahaha…..! Ma possibile, non me ne va una nel verso giusto, anche sul cioccolato dovete commentare! Risposi: Tesoro, sono pepite di cioccolato. No mamma, meteoriti! Quando mordo il cannolo, mi partono i molari! Si ok, come dici tu, mangia!! Dopo questa breve storia di cucina, vi lascio come al solito alcune istruzioni da non dimenticare, per ottenere dei cannoli buonissimi. Prima regola;  immergi completamente il cannolo nell'olio caldo, con il verso della chiusura in alto, se lo immergi al contrario si chiuderà, schiacciando il cannolo. Seconda regola; dopo aver formato il cannolo e messo nello stampo, lascia riposare 15 minuti prima di friggerli, l'impasto riprende la temperatura ambiente e si asciuga, così si formeranno le bolle durante la cottura. Terza regola; non toccare il cannolo dopo averlo immerso nell'olio caldo, ma solo dopo che si sarà gonfiato e cotto per qualche minuto, questa fase è determinante, serve a saldare bene la cialda. Se tenti di girare il cannolo prima di questa fase, rischi di bucare la cialda rovinando tutta la cottura. Quarta regola; non friggere in una padella larga e dai bordi bassi, la temperatura si disperderà e non coprirà tutta la cialda del cannolo in immersione. Quindi pentola in alluminio con bordi alti e capiente. Il cannolo va farcito e mangiato al momento, non riempirlo prima di questa fase, la cialda si bagnerà, eliminando il contrasto tra il croccante e la crema soffice. Buona preparazione!


domenica 9 ottobre 2016

Pancake di ricotta e mele senza glutine

fonduephoto blog per celiaci Libera Ferrandino


Inutile dirlo, i pancake sono buonissimi, dolci o salati diventano un cibo veloce e gratificante. Io li adoro e soprattutto, adoro sperimentare le diverse versioni. Questa versione sposa l'autunno, le mele rosse, la freschezza della ricotta, la stessa che conferisce morbidezza e spessore al pancake senza glutine, come dire un connubio perfetto per palati delicati. Usate il mixer per impastare gli ingredienti, vedrete non solo quanto sarà facile, ma anche la consistenza in cottura del pancake sarà speciale. Il mixer emulsiona l'albume all'interno del composto gonfiandolo, creando una struttura stabile in cottura. Provate! Non vi deluderà! Buona preparazione senza glutine.


venerdì 7 ottobre 2016

Come fare il lievito AUTOLISI senza glutine

fonduephoto blog per celiaci Libera Ferrandino


I grandi studiosi, spiegano questo processo con termini molto sofisticati, chimici. Giusto! Fanno questo per spiegare al meglio le reazioni di questo impasto. Spendiamo due parole, ma giusto due per le informazioni tecniche. L'autolisi è una tecnica per sfruttare al meglio il glutine. Infatti, si effettuano diverse fasi di fermentazioni, simili al lievito poolish liquido, colloso, per poi arrivare all'impasto principale maturo. I tempi di fermentazione dipendono molto dal prodotto che dobbiamo creare. Ora a noi che impastiamo con farine senza glutine, quanto ci ritorna utile questa tecnica? Semplice! Noi non sfrutteremo l'elasticità, ma lo stesso processo di fermentazione, il quale pur non avendo una maglia elastica, potremmo ottenere mollica soffice, fragrante, eccezionale nel sapore. In breve, pur non potendo avere tutto di questa tecnica, sfrutteremo solo alcuni aspetti. Ho panificato con questo lievito, la pizza senza glutine era spettacolare. Bene, per poter conoscere la bontà di questo lievito, ti resta solo seguire il tutorial e crearlo. Allora buona visione!


mercoledì 5 ottobre 2016

Signora notte!

fonduephoto blog per celiaci Libera Ferrandinio


Scura è la notte quando scende, tenebrosa, silenziosa. Si veste d'argento con il luminare della luna. Non ha pretese perché è pronta a nascondere le tue paure, l'angoscia più profonda. Gli uomini senza speranza albergano da lei è chiamata: la signora oscura. Il suo manto vellutato non predilige razze o classi sociali diverse, essa è amica di tutti, ma solo di quelli che l'amano, che amano nascondersi! Ma tu, bella come il tramonto, timida ed elegante, ti mostri alla luce con i tuoi colori; la signora oscura è tua nemica, perché la bellezza vuole oscurarti. La luce ti accarezza mostrandoti il suo favore, perché ciò che è bello non tramonterà mai. 


domenica 2 ottobre 2016

Come realizzare il lievito senza glutine Biga.

fonduephoto blog per celiaci Libera Ferrandino


Anche questo link è tutto dedicato all'informazione, come realizzare al meglio un lievito indiretto biga senza glutine buono ed efficace. Intanto cerchiamo di capire la genesi di questo lievito indiretto. Si dice lievito indiretto quando il preimpasto lievita, ha fatto la prima maturazione, fermentazione, la stessa che poi verrà introdotta in un impasto destinato a lievitare ancora. Questo lievito essendo consistente nella massa, più asciutto, ha più vita durante la fermentazione, essendo ricco di farina. Viene considerato un lievito forte, adatto a panificare i vari tipi di pane. La lievitazione va dalle dieci alle dodici ore, dipende anche dal prodotto che dobbiamo creare, varia a secondo del tipo di preparazione, varierà anche il tempo di fermentazione. Dal modo di come faremo fermentare la biga, questa si comporterà a sua volta nell'impasto principale, più lunghi saranno i tempi e più mollica troveremo nell'impasto del pane. Da non dimenticare mai, ogni preimpasto indiretto che faremo fermentare, prima di inserirlo nell'impasto principale, va sciolto in acqua, nella stessa che servirà per fare il pane, con la stessa quantità d'acqua, va fatto riposare 15 minuti, poi aggiungeremo, farina, sale, come previsto nella ricetta. Questo serve ad abbassare l'acidità che si è formata durante il percorso di fermentazione. Allora buona preparazione senza glutine!  

mercoledì 28 settembre 2016

Torta di mele scandinava senza glutine

fonduephoto blog per celiaci Libera Ferrandino


Mi dici come mai questa torta è così scura? Blaterava il padroncino! Ma non sai che l'aggiunta di zucchero muscovado cambia colore e sapore al composto? Rispondeva la padroncina! Ma il suo sapore è atipico, direi diverso! Bisbigliava il padroncino, mentre assaporava la buonissima torta scandinava senza glutine! Certo! Rispondeva la padroncina è una torta nordica, non siamo abituati a tali sapori e ragion per cui non dovremmo neanche disdegnare, anzi impariamo a gustare, a contaminare la nostra cucina. Come potevo salutare Settembre senza una torta di mele? E come farlo meglio con una torta dei paesi freddi dell'Europa? Questa torta da credenza senza glutine non è molto dolce, ricca di frutta, ideale per la colazione. Quando ti svegli e non hai le forze per ricominciare, in quei giorni, quando sei ancora con il cuscino attaccato alla testa, fatti un buon caffè forte, una fetta di questa torta, vedrai come tutto cambierà! La ricetta originale è di Eric Lanlard, ho dovuto per ragioni pratiche, modificare la mia versione senza glutine. Come vi ho sempre sottolineato, le farine senza glutine assorbono meno grassi, quindi ho dovuto ridosare il tutto cercando di restare fedele all'idea di questa torta.  Buona preparazione!